Come funziona la pompa di calore

Come funziona la pompa di calore

Cos’è e come funziona una pompa di calore

Il funzionamento di una pompa di calore è simile a quello di un frigorifero, ma invertito.

In un frigorifero, il calore viene estratto dall’interno ed espluso all’esterno.
Una pompa di calore fa l’esatto contrario: estrae il calore da una fonte naturale (aria, acqua o terra) e lo trasporta dentro l’edificio alla temperatura idonea, in funzione del tipo di impianto di riscaldamento.

Tu non lo vedi, ma nell’atmosfera c’è sempre calore. Questo calore può essere catturato dal ciclo frigorifero che, tramite un gas chiamato “freon” assorbe calore dalla fonte naturale poi, a seguito di una compressione che ne innalza la temperatura lo cede all’impianto di riscaldamento.

Sicuramente vi starete chiedendo:

Se piove? In Inverno? Di notte?

Anche se non ti sembra, funziona! Che sia di giorno o che sia di notte, con la pioggia o con la neve.

Le pompe di calore permettono di fornire sia calore per il riscaldamento che raffrescamento e cosa importante godono delle detrazioni fiscali del 65% per l’efficienza energetica

Anche se alimentate da elettricità o gas queste macchine utilizzano di fatto energia rinnovabile, perché trasferiscono il calore da una sorgente esterna – la “sorgente fredda” – a un “pozzo caldo”, che può essere l’ambiente da climatizzare o l’acqua di un circuito di riscaldamento. In particolare le pompe aria-aria e aria-acqua lo prelevano dall’aria esterna, mentre quelle acqua-acqua o terreno-acqua lo prelevano dall’acqua (di falda, lago, fiume o mare) o dal terreno, per mezzo di una sonda geotermica

La pompa di calore è adatta alle mie esigenze?

Come ha sottolineato l’Ing. Franzò, un utente prima di installare una pompa di calore deve considerare 3 cose.

Le più importanti variabili sono tre, con un peso tra loro equivalente. La prima è il luogo dell’installazione. Conta la fascia climatica, perché la temperatura può influenzare le prestazioni reali della macchina e, per le pompe acqua-acqua e con sonda geotermica, va verificata la disponibilità di una sorgente fredda di temperatura adeguata. Poi va considerata la tipologia di edificio: le pompe di calore richiedono di fare dei lavori anche all’esterno, dall’installazione esterna del motore nel caso di quelle ad aria, alla eventuale realizzazione di un pozzo, per le acqua-acqua. Terza variabile è l’utilizzo: si ha un grande vantaggio con le pompe di calore se oltre ad usarle per il riscaldamento le si utilizza anche per il raffrescamento.

Guidi Impianti, installazioni

Le vecchie caldaie a gas inquinano e hanno degli alti costi, il boiler elettrico consuma tanto.. La pompa di calore abbatte costi e inquinamento! Taglia la spesa del gas e dell’elettrcicità, inizia a risparmiare e contattaci  per saperne di più!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.